Il contributo degli ex sindaci: insieme per progettare un futuro equo sostenibile

Borghini_9540
Borghini_9530
D 40925593430_a6974c6374_o
C 41836329745_11e38c8f2f_o
B 41836330955_532fc72efb_o (1)
a 40925594650_f8768cb76d_o (1)
41836330495_2cd9e01c33_o
40925593910_deaaacbfc2_o

Negli ultimi due mesi abbiamo incontrato, presso Palazzo Marino, gli ex sindaci di Milano Giuliano Pisapia, Gabriele Albertini, Paolo Pillitteri, Carlo Tognoli e Giampiero Borghini. Le riunioni sono state uno dei passaggi di “Milano 2046”, il laboratorio sul futuro della città nato su iniziativa della Presidenza del Consiglio comunale di Milano per progettare e lasciare in eredità alle amministrazioni che seguiranno una visione di lungo periodo e strumenti utili a progettare una città equo sostenibile.

“In un momento di profonda trasformazione della società quale quello che viviamo è necessario non subire gli eventi ma essere in grado di definire obiettivi e scelte, e prevenire i rischi – ha detto il presidente del Consiglio Lamberto Bertolé -. L’ambizioso percorso di Milano 2046 si arricchisce del prezioso contributo di chi ha già amministrato la città: l’esperienza è indispensabile per pensare al futuro”.